AMIANTO

Diciassettemila Tir, e solo per portare via l’amianto dai primi 500 metri di un traforo lungo oltre 50 chilometri che provocherà non meno di duecento morti.

– Zucchetti: il Tav farà 200 morti, ma per Monti è tutto ok “LIBRE 12/3/12” – LINK


Il progetto prevede la realizzazione immediata di un interconnessione ferroviaria che permetterà di trasportare dal cantiere ai siti di deposito tutto lo smarino (no camion ma da 2 a 4 treni/giorno). Sia il fronte di scavo che il materiale estratto sono in ambiente confinato, i nastri trasportatori chiusi. Il problema amianto nel cantiere della TAV è molto poco rilevante e verrà affrontato con le ormai collaudatissime procedure legate alle norme sulla sicurezza dei lavoratori, sotto il controllo degli Enti preposti, ARPA in primis. Che dire dello scavo a cielo aperto di un qualsiasi valsusino che si costruisce la villetta o degli 80.000 mc di roccia serpentina amiantifera estratti con la dinamite ogni anno dalla cava di Caprie!

 

“Per quanto riguarda il tema amianto (in riferimento al sito di Chiomonte) a fronte di circa 2000 misure, cioè 2000 analisi in microscopia elettronica, non abbiamo mai trovato una situazione di presenza di amianto nell’aria che sia neanche lontanamente avvicinabile ai valori di attenzione che sono quelli definiti per la popolazione generale.

Produciamo dei rapporti semestrali dove diamo contezza di quelli che sono i valori di tutti i campionamenti eseguiti, e diamo una analisi di quelle che sono le mappe di salute nell’area, e

non abbiamo trovato alcun valore, relativo ad alcun fattore di pressione che non sia contenuto entro i limiti che sono proposti dalla comunità scientifica nazionale e che sono contenuti nelle leggi nazionali e internazionali.

Se la situazione rimarrà costantemente su questi andamenti, che sono estremamente confortanti dal 2012 al 2016 io ritengo che non ci possa essere alcun effetto sulla salute della popolazione legata alla costruzione di questo tunnel esplorativo”

Prof. Enrico Pira – Università di Torino

Tratto dal video veriTAV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *